La prima cosa da fare è coordinare l’altezza del cliente con l’altezza del piano stesso, in modo che per lavorare non si debba assumere posizioni scomode e faticose; combinando l’altezza dello zoccolo h.cm. 10 oppure 15 con lo spessore del piano cm. 2/3/4/6, possiamo intanto ottenere altezze di lavoro da cm. 84 a 93.

E’ poi molto importante la scelta tra i vari materiali.

Laminati plastici: hanno una varianza di colori e finiture notevolissima, fino all’effetto pietra; hanno un ottimo rapporto qualità/prezzo in quanto costano dai 60 ai 90€ al metro lineare.
Vantaggi: numerosi colori e finiture; la superficie laminata non assorbe liquidi; supporto idrorepellente.
Svantaggi: temono il calore; non si possono installare lavelli sottotop.

Fenix: nuovo materiale alle nanotecnologie, spessore cm. 2 oppure 4, presenta numerose novità; è antimpronta, resistente allo strofinamento, antimuffa, morbido al tatto; inoltre possiede una elevata attività di abbattimento della carica batterica e, grazie alle nanotecnologie, eventuali graffi superficiali nell’uso quotidiano, si richiudono semplicemente passando un ferro da stiro su panno.
Vantaggi: tutti quelli sopraelencati; e il prezzo è di 93€ al metro lineare.
Svantaggi: non si possono installare lavelli sottotop; materiale nuovissimo di cui non abbiamo al momento esperienza su larga scala.

Pietre naturali: superfici di lavoro dure che danno importanza alla cucina; sono materiali di cava tipo marmi, graniti, travertini ecc.; rimanendo nelle pietre reperibili sul territorio nazionale tipo marmo di Carrara, granito baveno, sardo, ghiandone, porrino, beta ecc., non hanno una grande varianza di colori; si va dal bianco del marmo alle varie sfumature del grigio dei graniti; quelle di importazione invece hanno moltissimi colori, ma esplodono come prezzo.
Vantaggi: prezzo medio; conferiscono importanza alla cucina; superficie mediamente dura; si possono installare lavelli sottotop i integrati nel medesimo materiale.
Svantaggi: sono tutte porose, in quanto costituite da carbonati di calcio e quindi possono assorbire liquidi e formare aloni; al contatto con alte temperature, possono essere soggette a shock termico.

Quarziti: sono miscele di pietre con minimo 70% di quarzo, legati da resine; il quarzo è uno dei materiali più duri in natura e conferisce una notevole durezza al piano di lavoro; il grande successo di questa superficie di lavoro è dovuto soprattutto al fatto di non assorbire; sono poi molto resistenti al calore, purché non applicato in modo diretto: esempio tipico la pentola sul fuoco posteriore attaccata e tangente allo schienale in quarzite; in questo caso si possono verificare macchie o fessurazioni per shock termico, causa temperature sui 200/250°C.
Vantaggi: conferiscono grande praticità e importanza alla cucina; non assorbono liquidi o sostanze e non creano aloni; grande durezza della superficie; si possono installare lavelli sottotop e vasche integrate del medesimo materiale; enorme varianza di colori, finiture e superfici.
Svantaggi: prezzo medio/alto; possiamo partire da 290€ al metro quadro, ma accettabile rispetto alle utilità riscontrate.

Corian: materiale sintetico dell’americana Du Pont De Nemour; non è mai decollato completamente nell’uso in cucina; nella garanzia stessa del materiale si legge che “si lavora con gli strumenti del falegname”; e ha quindi più o meno la consistenza del legno. Viene fornito un kit di riparazione con cui si può rimediare a graffi e macchie ma è altresì vero che si graffia e si macchia. Prezzo molto alto in rapporto alle utilità. Non consigliato.


Gres:
si tratta di ceramica dello spessore di mm. 3 con supporto sottostante; ha elevate caratteristiche di resistenza meccanica all’abrasione, di igiene, di impermeabilità e di facile manutenzione.
Vantaggi: quelli appena elencati; possibilità di vasche sottotop e integrate; grande effetto scenico grazie ai vari colori. Massima resistenza al calore; le navicelle spaziali sono foderate in ceramica per poter resistere al calore del rientro nell’atmosfera terrestre.
Svantaggi: prezzo alto; si parte da 380€ al metro lineare; occorre inoltre una grande perizia tecnica nella progettazione e nell’esecuzione del montaggio per cui pochi, oltre alla nostra azienda, sono in grado di installare correttamente questo materiale.

Acciaio e Vetro: in teoria anche questi due materiali possono essere usati per eseguire superfici di lavoro in cucina; è necessario quindi valutare insieme al cliente, di volta in volta, le utilità e gli eventuali svantaggi derivanti dall’uso di tali materiali.

Scroll to Top